Blog

Protagonisti – Buon Anno 2020 e grazie a tutti gli amici del mio blog [VIDEO]

Come da tradizione pubblico un mio breve video di auguri per tutti gli amici del blog e a seguire le fotografie più significative di questo anno 2019 appena trascorso.

 

Galleria Fotografica 2019

 

 

 

 

 

 

 

360 gradi di bellezza – Cefalù e il suo Duomo patrimonio dell’Unesco [VIDEO]

(Fonte siciliamare)

Dislocato ai piedi di un promontorio roccioso, in provincia di Palermo, sorge uno dei borghi più belli d’Italia, il Comune di Cefalù, che ogni anno viene preso d’assalto da numerosi turisti, sia italiani che stranieri; durante la stagione estiva, il piccolo comune arriva a triplicare la propria popolazione, che riempie le piazze e le strade più importanti del paese.

La cittadina, sviluppatasi attorno al Duomo di Cefalù, voluto da Ruggero II, ha conservato con il passare dei secoli il suo antico aspetto, con le sue strade strette del centro storico, tipicamente medioevali. I palazzi che arricchiscono la città sono costituiti da decorazioni architettoniche e le numerose chiese presenti manifestano tutta l’importanza della sede vescovile. Particolarmente caratteristico è il borgo marinaro, con le case antiche fronteggianti il mare.

Cefalù offre moltissimi punti di interesse per una vacanza all’insegna del mare di Sicilia. Durante la propria vacanza a Cefalù, non si può non visitare il duomo, che nel 2015 è stato dichiarato patrimonio dell’Unesco. Il duomo di Cefalù, secondo una leggenda, sarebbe stato realizzato in seguito al voto di Salvatore de Ruggero II, dopo essere scampato da una tempesta.

Per altre informazioni su Cefalù clicca su: https://siciliamare.info/cefalu-cosa-ce-da-fare-e-da-vedere/

Recensioni – La poetessa e scrittrice palermitana Franca Alaimo riguardo Meditare e Sentire (Il Convivio Editore)

Franca_Alaimo
Franca Alaimo

Pubblico volentieri la recensione che Franca Alaimo ha dedicato alla mia terza raccolta di poesie Meditare e sentire (Il Convivio Editore).

L’abbondanza dell’aggettivazione nell’ultima raccolta poetica di Antonino Schiera rivela la qualità emotiva della sua ispirazione poetica, che ruota attorno a pochi temi, che finiscono con l’intrecciarsi, creando un dialogo che dà luogo a due processi paralleli: l’antropomorfizzazione degli elementi naturali, così come le persone umane finiscono con l’assumere qualcosa degli stati e degli umori della natura.

L’autore, insomma, descrive i suoi stati d’animo riflettendoli nell’ambiente circostante creando sintonie piacevoli, armonie sorprendenti. Allo stesso tempo la natura assume su di sé stai d’animo e pensieri dell’io lirico.

L’autore Schiera attinge materia dalla sua biografia, oscillando ripetutamente tra gioia e dolore, tra memorie dolorose e speranza nel futuro. Spesso è la sua donna ad ispirargli i versi, ora delicati e sereni, ora più malinconici, allorquando qualche incomprensione sembra adombrare l’armonia della relazione amorosa.

Copertina_Meditare_e_Sentire.1
Copertina del libro

La tessitura lessicale delle poesie di A. Schiera, appare non sempre omogenea: aperta com’è, a volte, ad espressioni del parlato, e, a volte, carica di sintagmi e termini piuttosto antiquati, anche all’interno di uno stesso testo. Ritornano pure degli stereotipi espressivi, che egli farebbe bene ad evitare. Nel complesso è un libro che mette in rilievo la sensibile umanità del suo autore, la sua aspirazione ad un mondo più giusto e pacificato, come dimostrano alcuni testi di ispirazione sociale.

Franca Alaimo

Newsletter – Quanti oggetti ci separano?

Ho ricevuto oggi da parte di  Sos Mediterranee Italia e pubblico volentieri, un comunicato che riguarda il salvataggio in mare dei migranti e delle necessità economiche che ne derivano:

Hanna-Wallace-Bowman-MSF-1100x733
Hanna-Wallace-Bowman-MSF

Cari amici, care amiche, mi chiamo Alessandro, sono uno dei soccorritori di SOS MEDITERRANEE e vi scrivo dalla Ocean Viking.

Come logista sulla nave, uno dei miei compiti è contare, catalogare e provvedere alla manutenzione delle apparecchiature, ma anche prendermi cura delle necessità materiali delle persone soccorse e dei colleghi soccorritori e anticiparle. Ho tre container pieni di materiali, e passo la giornate a mettere ordine. Forse anche per questo sono sempre stato ossessionato dall’idea di quanti oggetti possediamo nel mondo occidentale. Oggetti utili ma a volte anche superflui, distrazioni, vanità, riempitivi.

La differenza fra “noi” e “loro” è anche misurabile in oggetti: chi arriva dal mare non possiede nulla. Recuperiamo persone che hanno un corpo, e poco più. A volte sono anche svestite: pantaloni e magliette sono rubati dall’acqua. Qualcuno ha dei foglietti, su cui sono scritti numeri di telefono di chi è rimasto a casa.

Diamo a tutti una sacca per ricominciare, con vestiti puliti, acqua e cibo. I sopravvissuti vestono magliette bianche, sotto tute nere o blu.

E’ un popolo silenzioso, che possiede più storie che oggetti. Storie da condividere, storie che devono essere raccontate. E’ per questo che abbiamo bisogno del vostro aiuto, da terra: per soccorrere e proteggere altri esseri umani, prima di tutto, ma anche per testimoniare le loro storie.

Siamo le vostre mani, i vostri occhi e le vostre orecchie in mezzo al mare.

Grazie al sostegno di migliaia di cittadini europei, abbiamo soccorso 30.734 uomini, donne e bambini nel Mediterraneo. Per continuare, abbiamo bisogno di voi.

Ogni donazione è preziosa.

Visita il sito di Sos Mediterranee

Recensioni – Luciana Cusimano traccia un’interessante disamina di Meditare e sentire (Il Convivio Editore), raccolta di poesie di Antonino Schiera [VIDEO]

Meditare e sentire” è la naturale prosecuzione di un percorso introspettivo e di consapevole crescita interiore iniziato con le prime due sillogi “Percorsi dell’anima” e “Frammenti di colore”, un percorso a tappe, con un’ideale scadenza triennale. Ancora una volta, la poesia scaturisce dall’esigenza di mettere nero su bianco i sentimenti che scaturiscono da una riflessione, un’immagine, un dialogo, una situazione, così da eternarle. Versi intensi e pieni di vita che celano un profondo coinvolgimento emotivo e in cui la ricercatezza dei temi si fonde con la semplicità delle immagini suggerite. La poesia di Antonino, infatti, nasce e si evolve dall’osservazione e dalle immagini, posto che il canale visivo è quello prioritario per garantirci una piena interazione con la realtà.

Luciana_Cusimano_Antonino_Schiera.1
Luciana Cusimano e Antonino Schiera

La poesia suggella le grandi trasformazioni dell’esistenza e sublima il dolore e il cambiamento. E’ una forma di dialogo con se stessi, con l’inconscio, di interazione con le persone che si incontrano. Dunque, uno strumento di conoscenza. Un esercizio quotidiano e spontaneo lontano dalla vanagloria che consente di comunicare con il mondo esterno con sincerità e onestà intellettuale.

La raccolta esprime una precisa visione del mondo, fondata sulla riflessione quale strumento e metodo per cogliere le innumerevoli declinazioni emotive e sentimentali dell’esistenza. Tutti i componimenti, nella loro diversità, sono attraversati dall’incanto e dal senso di meraviglia che nasce dall’ammirazione degli elementi naturali che connotano il paesaggio. Alla loro vivida descrizione si accompagnano diversi stati d’animo. Il lettore viene condotto per mano in sentieri sensoriali fatti di luci e suoni alla scoperta e alla soluzione dell’inquietudine e del rimpianto e guidato verso la condivisione di desideri e legittime aspirazioni.

Il poeta mostra una sensibilità matura: parte dalla consapevolezza che dalla narrazione di vicende strettamente personali e da mere suggestioni sensoriali si può astrarre verso esperienze universali, storie in cui tutti possiamo scorgere segmenti di noi stessi e delle nostre esistenze.

Il titolo rievoca un processo razionale e intuitivo, logico ed emotivo. Meditare e sentire come frutto di un processo desueto e insolito, per questi tempi caotici e liquidi, ma che premia l’animo se esercitato con costanza e rispetto per i momenti che sa regalare al sé.

L’io dell’autore si relazione con un universo al femminile: il mondo come natura, come spasimo d’amore, come società. La poesia tratteggia una Natura che è madre e matrigna, amica fedele e amante, croce e delizia ma anche fertile dama. La poesia, in questa silloge, si fa fimmina.

La Natura è sfondo e costante presenza che consente di condividere ogni moto dell’animo quasi fino ad umanizzarsi essa stessa e diventare metafora e personificazione dell’umano sentire. Il paesaggio è luogo fisico ma anche occasione di identificazione e abbandono.

Scrivere diventa un modo per fissare lo scorrere del flusso vitale e scandire il decorso del tempo, attraverso un linguaggio immediato e realistico che non ha motivo di essere ermetico e intraducibile. Perché la poesia è vita nella vita e dalla vita trae spunto, attingendo al mondo degli affetti interiori e dall’amore per la propria terra per giungere a sfiorare, quasi a volerle sanare, le piaghe della società.

Meditare e sentire presentazione alla Real Fonderia
Meditare e sentire: presentazione alla Real Fonderia Palermo

E’ una poesia che mette d’accordo tutti, arrivando a tutti. Genera testi che sono nutrimento intellettuale ed emotivo. Perché le poesie vengono generate dalla mente di chi scrive ma prima ancora sono nell’aria in cui girano; sono un moto ondoso che sa cogliere la contentezza, l’emozione e la gioia ma anche la disperazione  dell’animo. Per questo, fare poesia non equivale a vincere una gara metrica e il poeta non avverte la necessità di essere sofisticato. Solo così il lettore potrà comprendere e immedesimarsi, accostandosi al testo come a uno strumento che gli consentirà di vedere meglio parti di sé e del mondo. Si origina così il miracolo della poesia come “Meditare e sentire”, schiudendosi nel cuore di chi legge così come si è schiusa nel cuore di chi scrive.

Luciana Cusimano

Contributo video durante la lettura della recensione di Luciana Cusimano a Isnello

Poesie – Nel porto di Livorno di Hermann Hesse [Ribloggato da Cantiere Poesia]

Un grande autore.

Cantiere poesia

HAFEN VON LIVORNO

Nach einem Bild, das ich vor Jahren sah,
Verlässt mich eine milde Sehnsucht nie.
Es ist mir oft in Träumen fern und nah
Wie eines Jugendwanderliedes
Vergessne, traumbekannte Melodie.

Die Sonne sank und war voll milder Glut,
Der fernen Inselberge Linie schwand
In Duft und Himmel. Und die schwere Flut
Des Meeres schlug in wunderlichen Takten
An meines dunklen Fischerbootes Rand.

Ein gelbes Dreiecksegel flammte schwer
Am Molo auf Ein sattes Leuchten glitt
Mit jäher Schönheit übers goldne Meer
Und nahm die letzten roten Strahlen
Ins violette Reich des Abends mit.

§

Sempre d’una visione d’anni fa
una gran nostalgia nel cuor mi sta.
Come una melodia dimenticata,
canto di balda gioventù in cammino,
sovente nei miei sogni viene e va.

Calava il sole stanco, rosso-vino,
il contorno delle isole svaniva
nei vapori del cielo. E il mare in tresca
con cadenza fantastica assaliva
il bordo della…

View original post 35 altre parole

Recensioni – La poetessa Lavinia Alberti scrive su Meditare e sentire [VIDEO]

In occasione della prima presentazione a Palermo della mia terza raccolta di poesie Meditare e sentire (Il Convivio Editore), il giorno 29 novembre 2019 alla Real Fonderia, la poetessa e collaboratrice giornalistica Lavinia Alberti è intervenuta con una recensione preceduta da una breve introduzione con i saluti al numeroso pubblico presente. Riporto per intero l’intervento ringraziando pubblicamente la poetessa.

(Antonino Schiera)

Presentazione_di_Meditare_e_sentire
Presentazione di Meditare e sentire

Buonasera a tutti,

volevo intanto dirvi due parole su Antonino. Conosco Antonino da un po’ di anni, ma l’ho conosciuto meglio effettivamente negli ultimi due anni in occasione di “Calici di poesie a Isnello”, rassegna poetica fortemente voluta da Antonino che si è svolta in due edizioni, nel 2018 e 2019 a cui ho preso parte anche io. In quelle occasioni ho avuto modo di conoscerlo in qualità di moderatore. Mi sono accostata ai suoi testi da poco. Ho letto le sue raccolte (Percorsi dell’anima, Frammenti di colore e ora Meditare e sentire) e devo dire che ho notato una evoluzione, uno stile più maturo e più consapevole da certi punti di vista. Stasera vi leggerò quelle che sono state le mie impressioni su questa terza raccolta.

MEDITARE E SENTIRE – la terza raccolta di Antonino Schiera

Meditare e sentire. Sin dal titolo la raccolta si presenta accattivante suggerendo oltre alla congiunzione che unisce i due verbi anche un ipotetico accento forse voluto da parte del poeta con una doppia valenza a significare che meditare è anche sentire. Questa nuova raccolta poetica di Antonino Schiera si presenta dunque dal carattere fortemente introspettivo e riflessivo.

Si tratta di un percorso fatto di vissuti, di cammini, di inciampi, di strade ritrovate, di consapevolezze maturate pian piano dentro il poeta; un sentiero di ombre e di luci, di gioie e di dolori, in continuo divenire che ha preso forma tramite la parola poetica.

Un tragitto metaforico che Schiera inizia con la poesia Il cammino, in cui attraverso gli elementi naturali – come l’acqua – descrive la catarsi che essa gli ha procurato, lavandogli le ferite e i pensieri. Una purificazione che ben si coglie quando egli dice: di acqua sotto i ponti ne è passata tanta/ ha scrostato i pensieri più reconditi/ ha lavato e diluito le ire ancestrali/ di un uomo ferito più volte/ma mai domo. Così come l’acqua un ruolo catartico svolge anche la luce, quella dell’alba, che segna l’inizio del giorno e dunque anche l’apertura a nuove possibilità. Stessa variabile è offerta dal crepuscolo e dalla notte, che divengono qui metafore dell’incontro e di “blandi ed amorevoli pensieri”. Poi c’è il mare, che conduce il poeta talvolta all’oblio (che in primavera scioglie i suoi colori/nell’animo freddo e glaciale, sbiadito/come i ricordi di un tempo/che è fuggito via/come preistorici granelli di sabbia/tra dita callose di pescatore), mentre lo stesso mare procura talvolta un emergere e un riaffiorare di immagini del passato, legate alla sfera della familiarità e del sentimento amoroso.

C’è dunque una continua ricerca di luci e crepuscoli, di mare e montagne nelle poesie di Schiera, una voglia di ritrovare in questi elementi, attraverso una meditazione interiore, la via dell’autentica conoscenza di sé. Ciò è ben evidente nella poesia In riva la lago in cui il poeta dice: nuvola mi sento/o forse ancora nuvola sono/inseguo una nuova alba/un nuovo tramonto/e poi un’alba ancora pallida/e un tramonto rosso, come se egli sentendosi appunto parte della natura, cercasse risposte e conforto da essa. Quest’ultima risuona nell’animo del poeta che non manca di sottolinearne le suggestioni ricorrendo a figure retoriche come la sinestesia ad esempio nella poesia A te donna generatrice, quando scrive di “una fragorosa solitudine” o “di un gatto che sorseggia gli ultimi raggi di una luna alquanto piena”, come l’ossimoro nella stessa poesia, reso evidente nell’espressione “equilibrio instabile”; altre figure retoriche si ritrovano nei versi intitolati Sul tuo volto, dove “una mano agguerrita per aspri combattimenti nell’anima” diventa la metafora dell’energia vitale con cui si affrontano le battaglie della vita. Nella stessa non mancano poi delle rime che in modo asimmetrico si legano tra loro in rime finali come certezze/ carezze, coraggioso/rugoso. Più avanti nella poesia Giostra il poeta non manca di accostare la precarietà della vita (“fremono tremule foglie al vento”) al desiderio di far risorgere la stessa energia vitale attraverso disegni e diramazioni che “brulicano di vita come una giostra solitaria che attende colorati bimbi”, dove il poeta sembra volere con forza ritrovare il clown, il bambino che c’è in ognuno di noi, di pascoliana memoria.

Diverse sono le tematiche all’interno della raccolta, che non comprende solo quella sentimentale ed esistenziale, ma anche quella sociale, come si coglie nella poesia Pensiero di un migrante, in cui si leggono espressioni forti come: naufrago/ nel mare della solitudine/che mi tiene lontano dalla terra mia/ […] rischio di soffocare/ acqua salata al posto dell’aria […] ad attendermi sulla spiaggia/ il sorriso di un mio simile/ che mi ama. Diverse sono ancora le poesie più intimiste, in cui il lettore riesce a cogliere un certo senso di sottrazione nel poeta: una mancanza di qualcosa che ha avuto e che poi gli è stato tolto. Questo è quanto si evince ad esempio dalla poesia Alessio, dedicata al figlio mai nato, cui il poeta associa l’immagine di un mare burrascoso. Il mare è in tempesta/sbiadisce il mio dolore/attenua i miei pensieri/vivifica le mie speranze, quasi come se il poeta volesse affogare, dimenticare, ma al contempo trasformare questi vissuti in altro, in versi appunto.

Schiera è riuscito a fare tutto questo, a descrivere il proprio poliedrico mondo interiore, il proprio sentire sublimandolo attraverso la parola poetica.

Lavinia Alberti

Galleria fotografica

Magazine – Editoriale di Gabriella Maggio sul Vesprino di ottobre, il diario on line del Lions Club Palermo dei Vespri

Gabriella Maggio
Gabriella Maggio

Care Amiche, Cari Amici, la lettura mi sembra un tema sempre interessante. Per caso mi trovavo in libreria per la presentazione del nuovo libro di un noto giornalista e nell’attesa il mio sguardo vagava tra gli scaffali fino a che non inciampò su un libretto di Marco Filoni intitolato “Inciampi, storie di libri, parole e scaffali” della Italo Svevo s.r.l.s. Sono stata attratta dal titolo, ma anche dalla rara qualità del libro elegante nella copertina bianca e nera, intonso e stampato su carta Fabriano Palatina. L’ho acquistato subito. Esso costituiva un mio inciampo, avrei dovuto comprare piuttosto il libro del giornalista.

Ma quello che avevo tra le mani era più interessante, parlava di libri, di biblioteche, dell’ordine dei volumi sugli scaffali come sbirciavo a stento tra le pagine intonse. E l’inciampo si faceva sempre più interessante rivelandone la metafora sottesa : la biblioteca come mondo, sulla scia di J. L. Borges che nell’Aleph, nel racconto intitolato ”La Biblioteca di Babele” aveva scritto: “L’universo (che altri chiama la Biblioteca)…”. Questa metafora del libro-mondo ha avuto inizio molto tempo fa quando l’esperienza del libro acquisì un senso di totalità, come per esempio nell’epica greca arcaica o nel Libro dei Libri, e cominciò a competere con l’esperienza stessa del mondo. E dura ancora oggi. Ma l’allusione al mondo si fa ancora più profonda nel libro di M. Filoni quando l’autore affronta l’impresa di mettere ordine in una biblioteca, perché chi mette ordine deve avere un criterio, un orientamento culturale.

Così come dobbiamo fare con il mondo in cui viviamo. Anche qui ci vuole un criterio, un orientamento culturale che cerchi di dare ordine a qualcosa che è in perenne movimento. Per questo è importante il libro e la sua lettura e una libreria in cui disporre fisicamente i libri, stabilendo tra loro una plausibile relazione, ma anche cercandone altre che in un primo momento non abbiamo individuato. È vero che quello che conta di più è vivere, ma non senza lettura e libri cartacei, per sperimentare l’organizzazione di una nostra libreria. La stessa funzione non possono svolgerla gli e-book per il semplice fatto che qualcun altro li ripone e conserva e ci sfugge come, o meglio ci sfugge come organizzare il nostro stare nel mondo.

Gabriella Maggio

Per scaricare il magazine completo clicca sul link: Vesprino ottobre

Per visitare il Blog Palermo dei Vespri clicca sul link: Lions Palermo dei Vespri

Per contributi e per ricevere via email il magazine scrivere a: gamaggio@yahoo.it

 

Tra Sirene e “Oggetti in terapia”. La partecipazione di Giovanna Fileccia a Illustramente 2019

Giovanna Fileccia
La scrittrice Giovanna Fileccia

Giovanna Fileccia "Io e il Tutto che mi attornia"

La settimana dal 20 al 24 novembre 2019 ha visto a Palermo la VII edizione di ILLUSTRAMENTE dedicata alla sirena. Rosanna Maranto, direttore di Illustramente, mi ha coinvolta e per questo la ringrazio. Per me è stata una settimana impegnativa e soddisfacente. Ogni evento l’ho dedicato idealmente a mio marito Alessandro Di Mercurio e ho sempre indossato la sua cravatta.
Andiamo per ordine:
Come voce narrante di questa ‘VII edizione di Illustramente 2019’ ho scritto e letto in due occasioni- mercoledì 20 a Palazzo Chiaramonte Steri, e venerdì 22 novembre ai Cantieri Culturali alla Zisa- la fiaba inedita “Aneris, la piccola sirena” nella versione ridotta che ho adattato per l’occasione. Inoltre Rosanna Maranto ha selezionato quelle parti in cui sia la voce narrante che i protagonisti si esprimono in dialetto siciliano. La lettura è stata molto apprezzata sia dagli alunni delle scuole presenti, che dagli insegnanti e genitori che li…

View original post 211 altre parole

Magazine – Editoriale di Gabriella Maggio su Vesprino il diario on line del Lions Club Palermo dei Vespri

Gabriella Maggio
Gabriella Maggio

Care Amiche, Cari Amici l’argomento più importante del mese è l’allarme sul clima. L’argomento non è nuovo perché gli scienziati ne  parlano da tempo, ma acquista particolare rilievo oggi per la mobilitazione di piazza dei giovani di molti Paesi che richiedono di schierarsi apertamente a favore o contro, seguendo la protagonista, la giovanissima Greta Thunberg che ripete “Tutto deve cambiare. E bisogna cominciare oggi. E’ arrivato il momento di ribellarsi”. Il mondo della cultura si autoaccusa per l’indifferenza mostrata, per avere privilegiato nel romanzo e nella poesia il disagio individuale dell’esistenza, piuttosto che quello collettivo legato ai cambiamenti climatici. Qualche scrittore che ha affrontato il tema, come J. Franzen o Arundati Roy, è stato considerato per quell’opera più un saggista che un romanziere. La politica non fa meglio. L’incontro straordinario sul clima organizzato dall’O.N.U. non ha dato risultati soddisfacenti perché gli stati avvertono in maniera diversa l’urgenza della questione. Tra la gente emergono piccole iniziative, come quella di limitare l’uso personale della plastica, adoperando contenitori riutilizzabili piuttosto che le usuali confezioni o altro del genere. Ma la mancanza di condivisione nella maggioranza delle persone e soprattutto negli stati limita fortemente i risultati, rendendoli scarsi anche se apprezzabili per la piccola soddisfazione personale. In sintesi ci vogliono iniziative globali per affrontare un problema globale, che tutti ci riguarda. Riusciranno i giovani seguaci di Greta a spezzare l’indifferenza di grandi stati come la UE, la Cina e gli USA? Ammetteranno tutti la responsabilità umana nei cambiamenti climatici ? O si tirerà ancora in lungo come è accaduto per i danni alla salute causati dal fumo delle sigarette?

Gabriella Maggio

Per scaricare il magazine completo clicca sul link: Vesprino settembre

Per visitare il Blog Palermo dei Vespri clicca sul link: Lions Palermo dei Vespri

Per contributi e per ricevere via email il magazine scrivere a: gamaggio@yahoo.it