Newsletter – Verso un risveglio europeo?

Ho ricevuto oggi da parte di  Sos Mediterranee Italia e pubblico volentieri, un comunicato che riguarda il salvataggio in mare dei migranti

Foto tratta dal sito Sos Mediterranee
Foto tratta dal sito Sos Mediterranee

Care amiche, cari amici,

Quindici mesi fa, l’Italia chiudeva i suoi porti alla Aquarius e a tutte le navi di aiuto umanitario nel Mediterraneo centrale. Da allora, ogni salvataggio ha portato a lunghi negoziati tra i paesi europei per decidere sulla ripartizione delle persone soccorse. Il diritto marittimo ha ceduto di fronte a questioni politiche. Le ONG sono demonizzate, il coordinamento internazionale è inesistente.

Questo periodo sta volgendo al termine? È troppo presto per dirlo, ma il segnale è incoraggiante, persino storico: l’Italia torna al tavolo dei negoziati. Lampedusa e poi Messina sono state assegnate dalle autorità marittime come porti sicuri per la Ocean Viking, e a La Valletta è stato annunciato un pre-accordo europeo che potrebbe portare l’8 ottobre all’adozione di un meccanismo di sbarco coordinato.

Mentre gli Stati tardano a raggiungere un accordo, i naufragi continuano. Secondo i dati ufficiali dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM), 658 persone sono morte nel tentativo di attraversare il Mediterraneo centrale nel 2019. Senza contare quelle di cui non si sa nulla.

Il 17 settembre 2019 è stato raggiunto il numero simbolico di 30.000 persone salvate da SOS MEDITERRANEE. È troppo, e non è abbastanza.

30.000 vite! Quando abbiamo creato questa associazione quattro anni fa, non ci siamo prefissati alcun orizzonte temporale o obiettivo numerico. La gente stava annegando cercando di attraversare il Mar Mediterraneo e non potevamo accettare di non agire. Migliaia di persone si sono mobilitate. Abbiamo noleggiato una nave, abbiamo preso il mare, abbiamo teso una mano.