Ti consiglio un libro – La gondola dei folli (Spazio Cultura) di Franca Alaimo [VIDEO]

Video introduttivo alla mia recensione del romanzo La Gondola dei folli di Franca Alaimo

Copertina

Delf è una cittadina olandese circondata dai canali, nota anche per le ceramiche blu e bianche, che sorge a sud del paese dei tulipani. Venezia, denominata anche la Serenissima, è la ben nota città dei ponti e dei canali sui quali si affacciano palazzi monumentali e gotici. Ma cosa unisce le due città nel romanzo La gondola dei folli della scrittrice palermitana Franca Alaimo? La risposta la potrete trovare all’interno del libro edito da Spazio Cultura e preferisco non svelarla per non togliervi il gusto della scoperta di un libro che, attraverso la narrazione, accompagna il lettore nelle suggestive atmosfere della città lagunare, nell’arco temporale costituito da tre notti.

Il racconto ricamato con eleganza da Franca Alaimo è una sorta di magico excursus storico temporale che ha come protagonista una ragazzina, Franziska, che incontra nottetempo alcuni personaggi e artisti del passato. Si instaura, così, un dialogo con loro, che ne mette in evidenza le paure, le frustrazioni e alcune verità nascoste, con una veloce incursione nel presente, quando la ciurma di amici incontra idealmente, perché lo cita, uno scrittore contemporaneo, Guglielmo Peralta.

Il romanzo di Franca Alaimo è una sorta di veloce analisi psicologica collettiva che nasce dal profondo amore verso l’arte di Franziska, interesse ereditato dal padre il professore Arturo Meneghetti. Non mancano i riferimenti alla famiglia quando nel racconto compare il barattolo di vetro a forma cilindrica di Elsa, la nonna della protagonista, che nella storia rappresenta il deus ex machina, tanto caro agli autori delle tragedie greche, che toglie dagli impicci Franziska e gli altri. Il racconto di Franca Alaimo ha anche il pregio di far vivere o rivivere al lettore le atmosfere della laguna veneziana con precisi riferimenti toponomastici e per chi ama i pittori fiamminghi, come me, offre un importante riferimento artistico degno di essere approfondito.

Molto interessante, infine, è la scelta della copertina del libro che raffigura un quadro di Casimiro Piccolo di Calanovella, Spiriti elementali in barca, scelta azzeccata che tradisce le origini siciliane di Franca Alaimo, permettendoci così una sorta di volo pindarico pittorico, da nord a sud, da un periodo storico ad un altro, che assume carattere di arricchimento della conoscenza dei lettori.

Antonino Schiera

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...