Recensioni – Caos è la prima raccolta di poesie di Angelo Barraco edito da Bertoni nell’anno 2021. Nota critica di Antonino Schiera

Il 5 maggio 2022 all’interno dell’Oratorio di San Mercurio a Palermo si è svolta la presentazione della prima raccolta di poesie Caos (copertina nell’immagine in evidenza) del giornalista e poeta Angelo Barraco. L’incontro si è svolto nell’ambito della Settimana delle Culture 2022 di Palermo. Era presente l’autore, il moderatore il giornalista Luigi Perollo e il sottoscritto. Riporto per intero il mio intervento.

Caos Bertoni Editore marzo 2021 collana Aurora a cura di Bruno Mohorovich

Non ho chiesto al mio amico Angelo Barraco, direttore del sito d’informazione Il Salto della Quaglia, e mi riservo di farlo oggi stesso, come mai abbia scelto il titolo Caos per la sua prima raccolta di poesie. Il titolo ci riporta alle origini, molto indietro nel tempo, in quanto il caos risulta essere nella mitologia e nella cosmogonia degli antichi greci, la personificazione dello stato primordiale di vuoto, il buio anteriore del cosmo da cui emersero gli dei e gli uomini. Per inciso secondo il vocabolario Treccani per cosmogonia di intende il mito o dottrina che ha per oggetto la formazione dell’universo. Pertanto possiamo mettere in relazione il caos al terreno fertile per la creazione del divino e dell’uomo. La la stessa fisica moderna, pur non avendo ancora potuto dare una spiegazione definitiva sulla genesi della terra e dell’universo, fa spesso riferimento al caos come condizione iniziale necessaria perché la vita potesse attecchire e successivamente svilupparsi, diversificarsi e progredire.

Esiste una relazione tra disordine e creatività? Se ne parla da tempo e studi recenti sembrano confermare che il caos aiuti la creatività. Buone notizie quindi per chi vive in mezzo a stanze incasinate. Sembra che la scrivania di Albert Einstein fosse perennemente in disordine tanto che lui stesso disse: “se una scrivania in disordine è segno di una mente disordinata, di cosa sarà segno allora una scrivania vuota?”.

Pertanto caos che genera, che crea, che produce e nel caso del nostro amico autore che risulta fertile humus, che favorisce la creazione delle belle poesie contenute nella raccolta oggetto di questa presentazione.

All’inizio della sua sua prefazione contenuta all’interno del volume, Bruno Mohorovich, docente, poeta e critico cinematografico, nato a Buenos Aires da genitori istriani, individua nell’opera, due elementi che il lettore scorgerà senza grosse difficoltà tra i versi di Barraco: il viaggio fisico inteso come spostamento da un luogo all’altro e il viaggio introspettivo nel momento in cui il poeta affida ai propri versi il compito di esplorare il proprio sentire quotidiano. Considerato che l’autore utilizza spesso il treno, luogo dove probabilmente ha trovato fonti d’ispirazione, mi piace immaginare ogni poesia come tante stazioni ferroviarie nelle quale il treno dell’esistenza, impegnato nel suo incedere quotidiano, effettua una fermata, il tempo necessario per partorire una nuova poesia. 

Come nella favola Pollicino di Charles Perrault, Angelo Barraco lascia sul terreno della vita non molliche, che nella favola vengono mangiate dagli uccelli, bensì sassolini che permettono di trovare la strada di ritorno: ritorno alle origini, ai propri valori, alla propria identità senza mai perdere il piglio da esploratore che contraddistingue l’autore.

Dicevamo che il tema del viaggio è spesso presente nella raccolta di poesie Caos. In un mio aforisma che ho pubblicato scrissi: conoscere altre realtà, altre persone, altri luoghi, attraverso il viaggio, ci permette di conoscere meglio noi stessi grazie alla possibilità del confronto. Ma sappiamo che si può anche viaggiare con la mente e con l’immaginazione ovvero una delle conseguenze della lettura in generale. Vi cito pochi versi di una canzone di Fabrizio De André, Le passanti, incisa da Georges Brassens nel 1972, basata su una poesia di Antoine Pol, poeta minore francese molto amato da Brassens, che il cantautore scoprì su una raccolta del 1918. 

Alla compagna di viaggio 
I suoi occhi il più bel paesaggio
Fan sembrare più corto il cammino 
E magari sei l'unico a capirla 
E la fai scendere senza seguirla
senza averle sfiorato la mano.

La citazione nasce perché la nostra vita è fatta anche di incontri fugaci, con persone che ci stimolano e ci attraggono, ma che non rivedremo mai più. Non credo che l’incontro con Angelo Barraco si concluderà in questo luogo. Intanto perché acquistando il libro porteremo uno spaccato interessante dei suoi pensieri con noi, inoltre sono certo che la fertile penna di Angelo, partorirà altri testi, lui che ogni giorno scrive.

Le poesie di Angelo mi sono piaciute molto. Sono caratterizzate dal verso libero con numerose rime sparse, assonanze e grande originalità. Mutuando un termine dal mondo cinematografico sono una soggettiva sul mondo, è come se lui attraverso i suoi versi, rappresentasse il mondo, il suo sentire, il suo vedere. Al lettore il meraviglioso compito di trasformare le parole in immagini e sensazioni, funzione svolta dalla telecamera nell’accostamento cinematografico. Angelo Barraco riesce ad estraniarsi nel momento in cui è colto dall’ispirazione, esercizio che gli permette di descrivere atmosfere, paesaggi, situazioni al meglio tradendo, positivamente si capisce, il suo approccio giornalistico basato sulla curiosità, sulla ricerca e sulla cristallizzazione che genera una serie di frame poetici.

Chiudo il mio breve intervento declamando la prima poesia della silloge:

Caos #10
Binari bianchi e macchiati di vernice
Sovrastati da torri bruciate dal sole
Corrosi da un tempo lontano
Nell’attesa dell’ultimo fischio del treno
I passeggeri decantano il passato
guardando un albero spoglio e privo di colori
Una bellezza portata via su quei binari morti
e un tempo ormai lontano che si disperde all’orizzonte

Antonino Schiera 05/05/2022

Link alla casa editrice per acquisto libro.

Annunci

Pubblicato da Antonino Schiera

Poeta, scrittore e blogger palermitano. Pubblicazioni, riconoscimenti e iniziative: Nell'anno 2013 esordisco con la raccolta di poesie, aforismi e dediche d’amore Percorsi dell’Anima (Europa Edizioni). Nell'anno 2015 ho pubblicato due brevi storie (Moderno emigrante e Natale a Trieste) all’interno della raccolta di autori vari Natale 2015 (Società Editrice Montecovello), con finalità benefiche. Le due opere hanno ricevuto a Roma, la menzione d’onore al concorso organizzato dalla stessa casa editrice. Nel 2016 ho pubblicato la mia seconda raccolta di poesie Frammenti di colore (Edizioni La Gru) risultata finalista nella sezione poesie del II Premio Giornalistico Letterario Piersanti Mattarella. Nel 2017 la mia poesia Nel margine del tuo universo si è classificata seconda al Premio Nazionale di Cultura Isola di Pino Fortini. Nell’anno 2018 ho ideato, promosso e condotto l’evento estivo poetico e musicale Calici di poesie a Isnello con il Patrocinio del Comune e della Biblioteca di Isnello ed in collaborazione con il gruppo Siciliando in qualità di media partner. Nel mese di giugno 2019 la mia raccolta di poesie inedita Meditare e sentire si è classificata finalista al Premio Poetico Pietro Carrera, organizzato da Il Convivio Editore e l’Accademia Internazionale Il Convivio. Nel mese di settembre 2019 la stessa opera è stata pubblicata da Il Convivio Editore. - Nel mese di febbraio 2020 è stato pubblicato Il peperoncino di Alessandro, breve racconto inserito nella raccolta di autori vari Seta sul petto (Edizioni Simposium), in memoria di Alessandro Di Mercurio. Nel mese di agosto 2020 ho ricoperto il ruolo di direttore artistico nella rassegna poetica Parole ed emozioni madonite giunta alla terza edizione e promossa dall’A.N.A.S. zonale di Collesano in provincia di Palermo. Nel mese di settembre 2020 a Marsala, nell’ambito dell’Ottavo Simposio dei Poeti la mia poesia inedita Alba sulla torre, ha ricevuto il primo premio grazie alla votazione della giuria composta dagli stessi poeti presenti. Nello stesso mese è giunta la menzione di merito, nella sezione poesia inedita, nel Premio Convivio 2020 con la raccolta di poesie Sciabordio vitale sotto il cielo plumbeo pubblicata nel mese di aprile 2021. Nel mese di febbraio 2021 il breve racconto La notte dei cristalli ha vinto il primo premio assoluto nel concorso Il più bel gesto d’amore, organizzato dalla Farmacia Mercadante della Dottoressa Giordano di Palermo. Nel mese di giugno 2021 ho pubblicato il mio primo racconto La valigia gialla edito da Libero Marzetto. Nello stesso mese ho realizzato la prefazione generale e quella dei singoli tomi, cinque in totale, de Le Pietanze della cucina siciliana a cura del poeta, scrittore e promotore culturale Salvatore Mirabile. Nel mese di aprile 2022 la mia quarta raccolta di poesie Sciabordio vitale sotto il cielo plumbeo (Il Convivio 2021) è stata premiata con il terzo posto nella sezione poesia edita al Premio Nazionale di Poesia Himera. Ho organizzato un numero consistente di presentazioni ed incontri con i lettori per promuovere i miei libri, partecipato a numerosi reading poetici e ricevuto alcune menzioni d’onore per tali partecipazioni. Inoltre ho recensito e promosso alcune opere di scrittori contemporanei. Esperto di marketing e comunicazione, coniugo l’amore per la poesia e la curiosità per ciò che mi circonda, utilizzando la parola come un ponte che può unire mondi che ancora non si conoscono.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: