Eventi – Il fotografo Giuseppe Cultrara rievoca gli antichi giochi dei bambini [VIDEO]

Iucannu_di_Giuseppe_Cultrara
Giuseppe Cultrara

Il 3 novembre scorso è stata presentata al pubblico la mostra fotografica in bianco e nero, realizzata dal fotografo isnellese Giuseppe Cultrara che ha per titolo Iucannu. Il luogo scelto dal fotografo per presentare ed esporre gli scatti fotografici, è la sala principale del  Centro Sociale di Isnello. La presentazione si è svolta davanti un folto pubblico che ha partecipato con grande interesse al varo dell’esposizione degli scatti fotografici.

Il tema della mostra, come si evince dal titolo stesso, è legato alla rievocazione, attraverso alcuni scatti fotografici in bianco e nero, dei giochi con cui, i bambini in tempi non lontani, si divertivano.

Insieme all’autore hanno dialogato l’amico isnellese Toti Sireci e Michele Di Donato fotografo di San Severo trapiantato a Castelbuono: quest’ultimo attraverso il suo profilo facebook ha scritto “Sabato 3 novembre, di fronte ad una sala stracolma, ho avuto l’onore di fare una lettura pubblica del portfolio che compone la mostra fotografica Iucannu di Giuseppe Cultrara. Un lavoro eccellente, declinato in uno scintillante bianconero, dal quale traspare tutto l’amore che Peppe ha per il suo paese. Un racconto per immagini dei giochi di gioventù che, purtroppo, sono stati soppiantati da tablet, cellulari e quant’altro. Una sequenza splendida di un fotografo che è cresciuto a vista d’occhio e che, adesso si, è pronto per il grande pubblico. Ad maiora semper, bro!”

Questo slideshow richiede JavaScript.

Si ringrazia Rosanna Augello del gruppo Siciliando per alcune fotografie dell’evento

Auguriamo a Giuseppe Cultrara la realizzazione dei suoi sogni nell’ambito dei suoi progetti culturali frutto di una passione che lo porta ad eseguire degli scatti fotografici di notevole valenza artistica. Peraltro le premesse sono davvero ottime considerato che Giuseppe Cultrara, come ci ha detto, ha già in programma di esporre le sue fotografie a Collesano e prossimamente anche a Palermo.

Antonino Schiera