Riflessioni – I risvolti economici della visita del presidente cinese Xi Jinping in Italia [VIDEO]

La recente visita del presidente cinese Xi Jinping in Italia, proseguita in seconda battuta in Francia, ci ricorda l’importanza delle relazioni e degli accordi internazionali in materia di scambi commerciali ed economici.

L’anno appena trascorso è stato caratterizzato dal contrasto geopolitico tra le due maggiori potenze mondiali, Stati Uniti e Cina ed oggi ci si domanda qual’è il piano per il futuro e come proseguirà la guerra commerciale nei mesi a venire.

Serve ricordare che il primo dicembre 2018 è stata arrestata la leader del gruppo cinese Huawei, Meng Wanzhou, nel momento in cui il presidente degli Stati Uniti e la sua controparte cinese, decidevano di mettere in pausa le tensioni commerciali per un periodo di novanta giorni. L’arresto dell’importante donna d’affari è avvenuto in un aeroporto canadese su richiesta delle autorità USA, con l’accusa di aver violato le sanzioni statunitensi sulle importazioni nei confronti dell’Iran, salvo poi essere stata messa agli arresti domiciliari, su cauzione, in attesa che venga provata la regola della doppia colpevolezza. Questo episodio ha determinato l’entrata della contesa bilaterale in una nuova fase, quando sembrava si stesse affievolendo.

L’importanza della Cina sulla scena internazionale e l’interdipendenza con gli Stati Uniti sono aumentate negli ultimi anni. A livello mondiale, l’economia cinese è nelle prime posizioni tenendo conto di importanti parametri quali il potere d’acquisto, manifattura a valore aggiunto, commercio al dettaglio e riserve di valuta estera comprese quelle in dollari statunitensi.

Fatta questa premessa frutto di un’analisi che tiene conto di dati ed elementi condivisi e conosciuti a livello mondiale, torniamo ai nostri giorni. Gli italiani, come spesso capita loro, sono divisi in due schieramenti. Da un lato coloro che vedono nella visita di Xi e del memorandum d’intesa firmato con Roma, la conferma che l’onda lunga cinese non si è mai arrestata. Una sorta di tsunami economico che non trova nessun ostacolo sulla sua via, tenuto conto del perdurare della crisi economica in Italia, che continua a segnare una crescita del prodotto interno lordo pari allo zero. A tal proposito può servire leggere l’articolo di Paolo Bricco del 28 marzo 2019 su ilsole24ore.

Dall’altro lato coloro che invece sperano che gli accordi economici con la Cina, possano migliorare la nostra economia, grazie a sostanziose immissione di liquidità per fare affari; in virtù di un bilancio commerciale auspicabilmente positivo per noi; per via di flussi turistici che portano soldi e lavoro.

I nostri due vice-premier, Luigi Di Maio e Matteo Salvini, rappresentano bene questa contrapposizione dualistica. Il primo vede bene questa novità, in sintonia con il modus operandi dei 5 Stelle, salvo dichiarare che il suo successivo viaggio negli Stati Uniti non ha lo scopo di tranquillizzare gli alleati oltreoceano; il secondo invece, coerente con una visione sovranista al limite dell’anti-europeismo, preferirebbe che le problematiche economiche italiane venissero risolte senza l’ingerenza di stati terzi, figuriamoci dei cinesi.

A livello europeo il memorandum d’intesa firmato a Roma ha causato preoccupazioni e scandalo. Al contrario la corposa dichiarazione congiunta tra Parigi e Pechino, ricordiamo che Xi Jimping è volato in Francia dopo avere lasciato l’Italia, non ha causato sommovimenti politici, facendo immaginare che il potere contrattuale della Francia in Europa sia superiore al nostro. In Francia il presidente Emmanuel Macron ha coinvolto la cancelliera tedesca Angela Merkel e il presidente della commissione UE Jean Claude Junker, connotando così l’incontro di una veste europeista e condivisa, pertanto più forte e digeribile.

Il giorno 23 e 24 marzo il presidente cinese, accompagnato sempre dalla moglie Peng Liyuan, si è intrattenuto a Palermo. Sembra che abbia scelto il capoluogo siciliano per fare un omaggio al Presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella.

Le cronache di queste intense ore siciliane ci dicono che la coppia presidenziale è rimasta affascinata dalla città che negli ultimi anni sta vivendo una stagione culturale e turistica molto positiva, grazie alla valorizzazione dell’imponente centro storico, divenuto Itinerario Arabo Normanno, e alle notevoli bellezze naturali che attorniano la città. Il fotografo ufficiale della delegazione cinese, è stato invitato da Peng Liyuan a scattarle numerose fotografie in particolare all’interno di Palazzo dei Normanni e la stessa ha detto che farà una grande pubblicità nel suo paese per invogliare i connazionali cinesi a visitare la città.

Insomma durante la visita a Palermo i temi attinenti i soldi, il commercio e l’economia sono stati messi da parte perché i protagonisti erano le testimonianze della nostra cultura e della storia stratificata. Fëdor Dostoevskij, considerato, insieme a Tolstoj, uno dei più grandi romanzieri e pensatori russi di tutti i tempi, nell’Idiota fa affermare al principe Miškin questa frase: ”La bellezza salverà il mondo”.

E chissà che a Palermo, ma forse è solo utopia, non sia successo un piccolo miracolo ovvero più blandamente “la bellezza addolcirà i cuori e attenuerà le tensioni. In realistica attesa di nuove, notizie di catastrofi umanitarie ed economiche, si spera il più lontane possibili o forse mai.

 

Recensioni – Per un tempo senza tempo, romanzo d’amore di Lucia Rizzo

Pubblico in questo post il mio intervento recensione che ho letto in occasione della presentazione del libro di Lucia Rizzo, avvenuta il 14 febbraio 2019 presso la Sala degli Specchi a Villa Niscemi.

Va da se che per potere essere qui con voi a parlare del libro Per un tempo senza tempo di Lucia Rizzo, Edizioni La Zisa ne ho dovuto volentieri intraprendere e concludere la lettura, dalla prima all’ultima pagina. Partendo dal presupposto, non che la lettura di un libro, in via generale, dovrebbe sempre costituire un arricchimento per il lettore, mi sono posto due domande. La prima è: valeva la pena di leggere il libro in questione? La seconda: lo rileggerei?

Ebbene la risposta in entrambi i casi è decisamente si!

Un primo segnale positivo con riferimento al gradimento dell’opera di Lucia Rizzo l’ho avuto quando, leggendo l’ultima pagina, sono stato piacevolmente assalito da nuovi e buoni sentimenti. Il secondo segnale positivo mi è giunto dall’avere constatato che mi ero affezionato ai protagonisti della storia tessuta dalla nostra autrice.

Ma cambiamo prospettiva e angolo di osservazione con una citazione:  Fëdor Dostoevskij, considerato, insieme a Tolstoj, uno dei più grandi romanzieri e pensatori russi di tutti i tempi, nell’Idiota fa affermare al principe Miškin questa frase: ”La bellezza salverà il mondo”. Considerazione e auspicio sempre attuale, visto che il nostro mondo è sempre in fibrillazione, tanto da farci temere che possa presto essere interessato da un default generalizzato, ovvero da una sorta di fallimento e insolvenza, per quanto attiene la sfera virtuosa delle relazioni umane.

La frase di Dostoevskij, è stata recentemente mutuata, nel corso di un incontro culturale in: “il mondo è disposto a farsi salvare dalla bellezza”. E contestualizzando nel qui e ora, la domanda diventa: “l’amore potrà salva mondo? E il mondo è disposto a farsi salvare dall’amore”? (Continua…)

 

Questa presentazione richiede JavaScript.

Alcuni momenti della presentazione del 14 febbraio scorso a Villa Niscemi Palermo

(Continua…) Perché l’amore? Perché questo importante sentimento è alla base del libro di Lucia Rizzo la quale, attraverso il dipanarsi della storia, in esso contenuto, ci descrive il sentimento principe che muove l’umanità, ma anche il mondo animale in sinergia con la flora, scevro da calcoli, da convenienze e senza nessun tipo di infingimento. Anche perché rappresenta l’incipit della procreazione e pertanto del proseguimento della razza umana.

I protagonisti del libro, Ludovico e Ramona, hanno la fortuna di vivere una storia d’amore che non è una semplice idealizzazione dello stesso, spesso privo di pregante significato, di coerenza e di persistenza. E vivono la loro storia d’amore, che coinvolge i loro corpi e le loro anime, all’interno di un romanzo ben strutturato e attraverso l’intrecciarsi degli eventi dei tanti personaggi e con un saggio ed efficace uso dei salti temporali. In un certo senso romanzo che diventa poesia e poesia che diventa romanzo.

Naturalmente non posso soffermarmi troppo sulla trama per non togliervi il piacere della sorpresa, della scoperta, dell’esplorazione quando leggerete il libro.

Quando si parla di amore tra due persone, non si può non citare Erich Fromm psicologo, sociologo, filosofo, psicoanalista ed accademico tedesco che nel suo saggio L’arte di amare parla, tra le tante altre cose, di esclusività nel rapporto tra due persone. La promessa dell’amore e della fedeltà in eterno. Scrive Erich Fromm: “l’amore fraterno è tra simili; l’amore materno è amore per l’essere indifeso. Così diverse tra loro, queste forme d’amore sono, per loro stessa natura, non limitate a una persona. Se io amo mio fratello, amo tutti i miei fratelli; se amo mio figlio, amo tutti i miei figli; e oltre a ciò, amo tutti i bambini che hanno bisogno del mio aiuto. In contrasto con entrambe queste forme, è l’amore erotico; questo è il desiderio della fusione completa, dell’unione con un’altra persona. È per sua stessa natura esclusivo e non universale”

Per_un_tempo_senza_tempo_copertina
Copertina del libro

Erich Fromm introduce il concetto di amore esclusivo che, attenzione, non deve essere autoreferenziale, ovvero amo solo te, tu ami solo me escludendo ogni altra forma di amore: intendo riferirmi all’amore fraterno, all’amore materno o paterno. “Spesso, l’esclusività dell’amore erotico – continua Fromm – è interpretata come attaccamento possessivo. È molto frequente trovare due persone innamorate tra loro che non sentono amore per nessun altro. Il loro amore è, infatti, un egotismo a due; sono due esseri che si annullano a vicenda, che risolvono il problema della separazione fondendosi tra loro. Credono così di superare la solitudine; eppure, staccandosi dal resto della specie, restano separati tra di loro e perfino da loro stessi; la loro unione è un’illusione. L’amore erotico esclude l’amore per gli altri solo nel senso di fusione erotica ma non nel senso di profondo amore fraterno. L’amore erotico, per essere vero amore, richiede una condizione: che io ami dall’essenza del mio essere, e “senta” l’altra persona nell’essenza del suo essere”.

Ed ancora citando Erich Fromm: “L’amore infantile segue il principio: amo perché sono amato. L’amore maturo segue il principio: sono amato perché amo. L’amore immaturo dice: ti amo perché ho bisogno di te. L’amore maturo dice: ho bisogno di te perché ti amo.”

Peraltro quest’ultima frase la ritroviamo, con una leggera variazione, in una canzone di Zucchero Fornaciari, Madre dolcissima del 1989: Ti amo perché ne ho bisogno, non perché ho bisogno di te.

Il sentimento amoroso che coinvolge Ramona e Ludovico è virtuoso e ve ne accorgerete leggendo il libro all’interno del quale possiamo trovare un bel messaggio riguardo le relazioni umane. Una bella storia d’amore che vi consiglio di fare vostra leggendo il libro, che si dipana civilmente anche quando ci sono delle rotture. Di questo c’è bisogno oggi, di pace duratura, anche quando i rapporti si interrompono.

Antonino Schiera

  1. Info libro sul sito della casa editrice
  2. Per acquistare il libro on line:

(Per alcune delle fotografie pubblicate si ringrazia Fotomatteventi di Matteo Agnello)