Reading Poetici – Versi a Palazzo delle Aquile: incontro letterario e Recital nella Città del Vino

L’Associazione Culturale Euterpe di Jesi in provincia di Ancona ha organizzato due nuovi eventi poetici nella città di Palermo, in data 29 giugno 2019 alle ore 17.00 e nella città di Marsala, in data 30 giugno 2019 alle ore 17.30.

I poeti, che hanno aderito in grande numero, si riuniranno per declamare le loro poesie ne i Versi a Palazzo delle Aquile: incontro letterario all’interno di Sala delle Lapidi nella città di Palermo e nel Recital nella Città del Vino presso la Sala Conferenze Enzo Genna del Complesso Monumentale San Pietro.

Alla manifestazione del 29 giugno, con il Patrocinio del Comune di Palermo, della Città Metropolitana di Palermo, della Regione Siciliana e dell’Università degli Studi di Palermo, sarà presente l’attore siciliano Enzo Rinella che interpreterà alcune poesie (per conoscere meglio Enzo Rinella video 1, video 2, video 3, video 4)

L’ingresso è libero fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Lorenzo_Spurio
Lorenzo Spurio

L’associazione, presieduta dal poeta e critico letterario Lorenzo Spurio, conferma pertanto una particolare attenzione per la Sicilia, basti ricordare gli eventi a Villa Niscemi nel 2016 e alla Real Fonderia nell’anno 2017. Nel mese di giugno dello scorso anno l’associazione è approdata ancora nell’isola con un reading poetico a Messina e l’altro a Catania (ne ho dato conto in questo post).

 

Galleria Fotografica

 

 

 

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Presentazioni – Alla ricerca del buon tempo passato, proverbi siciliani di Giuseppe Pappalardo

giuseppe_pappalardo
Giuseppe Pappalardo

È stato presentato nella cripta della Chiesa di San Giorgio dei Genovesi il libro curato dal poeta e cultore del dialetto siciliano Giuseppe Pappalardo, intitolato Alla Ricerca del buon tempo passato, proverbi dialettali raccolti dagli alunni dell’Istituto Comprensivo Statale Marconi Mongibello di Ragalma. Insieme all’autore era presente Giovanna Sciacchitano, che ha egregiamente recensito il libro nel pomeriggio culturale organizzato grazie a Fulvia Reyes presidentessa dell’Unione Cattolica Artisti Italiani.

Il libro, frutto di un’attenta ricerca del curatore, ha il merito di rendere conto della memoria e della saggezza popolare che si tramandano di padre in figlio, attraverso i proverbi, focalizzandosi in una particolare zona geografica della Sicilia, che insiste nella provincia di Catania, facendo comunque riferimento anche ad altre zone geografiche. Così da permettere al lettore di avere un punto di riferimento preciso, rispetto alla varietà del dialetto siciliano a seconda di quale zona della nostra isola ci si trovi.

Particolarmente interessante è stato il momento in cui Giuseppe Pappalardo ha parlato delle arancine se siamo nel palermitano e degli arancini se siamo nel catanese, dipanando così una matassa che spesso crea una piacevole conflittualità tra le due maggiori città siciliani. In fondo la differenza tra arancina e arancine non è sostanziale, pertanto non serve decidere dove nasce e stabilirne la paternità, l’importante è che siano buone.

Interessante anche la considerazione del curatore del libro, che ha messo in evidenza come i proverbi spesso hanno due versioni e due interpretazioni diametralmente opposte, confermando la tesi che la verità spesso non è assoluta, piuttosto è soggettiva e può essere vista e pertanto percepita da diversi punti di vista.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ho chiesto a Giuseppe Pappalardo quali sentimenti prova quando presenta il suo libro e di rivolgersi ai lettori del blog: <<Presentare il libro – ha detto Pappalardo – mi fa riassaporare la gioia di una esperienza per me emozionante: l’avere operato a stretto contatto con ragazzi che hanno partecipato alla ricerca con passione ed entusiasmo e che hanno riscoperto valori e tradizioni che si stavano perdendo. Ai lettori vorrei dire che, in una società italiana in cui l’ultimo rapporto Censis ha evidenziato una crescente aggressività sociale, occorre riflettere sulla valenza dei proverbi nella prospettiva di un richiamo a valori perduti che solo la tradizione può restituirci e riattualizzare>>.

Antonino Schiera