Poesie – L’antica pazienza di Maria Luisa Spaziani [Ribloggato da Cantiere Poesia]

Maria Luisa Spaziani

Maria Luisa Spaziani è stata una poetessa, traduttrice e aforista italiana.

Non per caso pubblico un componimento di una poetessa oggi 25 novembre, giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, nata per l’esigenza di comprendere l’importanza di dar voce alle donne che non ne hanno.

Cantiere poesia

Tu che conosci l’antica pazienza
di sciogliere ogni nodo della corda
e allevi un pioppo zingaro venuto
a crescere nel coccio dei garofani,
lascia ch’io senta in te, come la sorda
nenia del mare dentro la conchiglia,
la voce della casa che il perduto
tempo ha ridotto in cenere.
Ma è cenere di pane scuro, sacro,
– quello che alimentavi col tuo soffio
nel forno buio della guerra – e reca
imperitura in sé la filigrana
dei tuoi ciliegi dilaniati.
L’allegria rialza la sua cresta
di galletto sui borghi desolati,
come il lillà che ti cresce alle spalle
passo a passo, baluardo sul massacro.
Raccogli ancora e sempre il pigolante
nido abbattuto dal vento di marzo
e ripara le falle della chiglia.
Nessuno è senza casa se l’attende
a sera la tua voce di conchiglia.

MARIA LUISA SPAZIANI

View original post

Poesie – E malgrado tutto di Alda Merini [Ribloggato da Cantiere Poesie]

Alda Merini

Alda Giuseppina Angela Merini, nota semplicemente come Alda Merini è stata una poetessa, aforista e scrittrice italiana.

Non per caso pubblico un componimento di una poetessa, approssimandoci al 25 novembre, ovvero alla giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, nata per l’esigenza di comprendere l’importanza di dar voce alle donne che non ne hanno.

Cantiere poesia

E malgrado tutto
malgrado la musica
che si ripete incessantemente
fino allo spargimento del cuore
malgrado io non ti veda
e il giorno si apra
con la perenne angoscia
di non incontrare nessuno
tu continui a addossarmi
un numero di ombre
che non entrano
nel mio cuore
tu non sai quanto una forma di donna
può essere circoscritta
dalle ansie di molti uomini
ma non è vero amore
è l’ansia di vedermi risuscitare
per una nuova gettata di poesia
e con me costruiscono case
e ambienti
e idee per i loro sogni
quando mi vedono soffrire per te
pensano che io sia già morta
e di amor tuo
e chiamano tutti a vedermi
e battono le mani
per l’ingannevole successo della vita
ma io non li vedo nemmeno

ALDA MERINI

View original post

Poesie – La cugina Nancy di Thomas Eliot [Ribloggato da Cantiere Poesia]

Thomas Stearns Eliot nato a Saint Louis nel 1888 e venuto a mancare a Londra nel 1965, fu uno dei maggiori innovatori della poesia mondiale del Novecento. Rifiutando i valori poetici del romanticismo inglese, insieme con William Butler Yeats ed Ezra Pound fu il precursore di un nuovo modo di fare poesia, paragonabile alle innovazioni introdotte nel romanzo da James Joyce e Marcel Proust.

Cantiere poesia

COUSIN NANCY

Miss Nancy Ellicott
Strode across the hills and broke them,
Rode across the hills and broke them
The barren New Engiand hills
Riding to hounds
Over the cow-pasture.

Miss Nancy Ellicott smoked
And danced alI the moderrn dances;
And ber aunts were not quite sure how they felt about it,
But they knew that it was modern.

Upon the giazen shelves kept watch
Matthew and Waldo, guardians of the faith,
The army of unalterable law.

§

Miss Nancy Ellicott
attraversava le colline e le domava,
cavalcava sulle colline e le domava,
le colline sterili della Nuova Inghilterra,
cacciando con i cani
per i pascoli delle vacche.

Miss Nancy Ellicott fumava
e ballava tutti i balli moderni;
e le sue zie non sapevano bene cosa pensa
però sapevano che era moderno.

Sugli scaffali tirati a lucido vigilavano
Arnold ed Emerson, i difensori della fede,
l’esercito della legge inalterabile.

THOMAS…

View original post 2 altre parole

Poesie – All’Italia di Giacomo Leopardi [Ribloggato da Cantiere Poesia]

All’Italia è una lirica di Giacomo Leopardi, composta a Recanati nel settembre 1818 all’età di vent’anni. Ritengo che in questo momento particolare, con il coronavirus che ci sta mettendo a dura prova, che questa poesia vada riletta attentamente.

Cantiere poesia

O patria mia, vedo le mura e gli archi

E le colonne e i simulacri e l’erme

Torri degli avi nostri,

Ma la gloria non vedo,

Non vedo il lauro e il ferro ond’eran carchi

I nostri padri antichi. Or fatta inerme,

Nuda la fronte e nudo il petto mostri.

Oimè quante ferite,

Che lividor, che sangue! oh qual ti veggio,

Formosissima donna! Io chiedo al cielo

E al mondo: dite dite;

Chi la ridusse a tale? E questo è peggio,

Che di catene ha carche ambe le braccia;

Sì che sparte le chiome e senza velo

Siede in terra negletta e sconsolata,

Nascondendo la faccia

Tra le ginocchia, e piange.

Piangi, che ben hai donde, Italia mia,

Le genti a vincer nata

E nella fausta sorte e nella ria.

Se fosser gli occhi tuoi due fonti vive,

Mai non potrebbe il pianto

Adeguarsi al tuo danno ed allo scorno;

View original post 706 altre parole

Poesie – Donna del Cielo di Guittone D’Arezzo [Ribloggato da Cantiere Poesia]

Cantiere poesia

Donna del Cielo, gloriosa madre
Del buon Gesù, la cui sagrata morte,
Per liberarci dalle infernal porte
Tolse l’error del primo nostro padre,
Risguarda Amor con saette aspre e quadre,
A che strazio m’adduce ed a qual sorte
Madre pietosa, a noi cara consorte,
Ritraine dal seguir sue turbe e squadre.
Infondi in me di quel divino amore
Che tira l’alme nostre al primo loco,
Sì ch’io disciolga l’amoroso nodo.
Cotal rimedio ha questo aspro furore,
Tal acqua suole spegner questo foco,
Come d’asse si trae chiodo con chiodo.

GUITTONE D’AREZZO

View original post

Poesie – Tutti gli eserciti sono uguali di Ernest Hemingway [Ribloggato da Cantiere Poesia]

Cantiere poesia

ALL ARMIES ARE THE SAME

All armies are the same
Publicity is fame
Artillery makes the same old noise
Valor is an attribute of boys
Old soldiers all have tired eyes
All soldiers hear the same old lies
Dead bodies always have drawn flies

§

Tutti gli eserciti sono uguali
È quel che sembra e non quel che vali
L’artiglieria fa il solito rumore
Attributo dei giovani è il valore
Stanchi sono gli occhi dei vecchi soldati
Gli rifilano le solite menzogne
Le mosche han sempre amato le carogne.

ERNEST HEMINGWAY

View original post

Poesie – Cantico delle creature di San Francesco d’Assisi [Ribloggato da Cantiere Poesia]

Cantiere poesia

Altissimu, onnipotente bon Signore,
Tue so’ le laude, la gloria e l’honore et onne benedictione.
Ad Te solo, Altissimo, se konfano,
et nullu homo ène dignu te mentovare.
Laudato sie, mi’ Signore cum tucte le Tue creature,
spetialmente messer lo frate Sole,
lo qual è iorno, et allumeni noi per lui.
Et ellu è bellu e radiante cum grande splendore:
de Te, Altissimo, porta significatione.
Laudato si’, mi Signore, per sora Luna e le stelle:
in celu l’ài formate clarite et pretiose et belle.
Laudato si’, mi’ Signore, per frate Vento
et per aere et nubilo et sereno et onne tempo,
per lo quale, a le Tue creature dài sustentamento.
Laudato si’, mi’ Signore, per sor Aqua,
la quale è multo utile et humile et pretiosa et casta.
Laudato si’, mi Signore, per frate Focu,
per lo quale ennallumini la nocte:
ed ello è bello et iocundo et robustoso et…

View original post 113 altre parole

Non sono tornati di Abbas Kiarostami [Ribloggato da Cantiere Poesia]

Cantiere poesia

Non sono tornati
fiumi che scorrevano
verso il mare
soldati che andavano
in guerra
amici che partivano
verso terre lontane.

ABBAS KIAROSTAMI

View original post

Poesie – C’è un limite al dolore di Ennio Flaiano [Ribloggato da Cantiere Poesia]

Cantiere poesia

C’è un limite al dolore
in quel limite un caro conforto
un’improvvisa rinunzia al dolore.
Il pianista cerca un fiore nel buio
e lo trova, un fiore che non si vede
…e ne canta la certezza.
Il gioco è questo: cercare nel buio
qualcosa che non c’è, e trovarlo.

ENNIO FLAIANO

View original post

Poesie – Da un lago svizzero di Eugenio Montale

Cantiere poesia

Mia volpe, un giorno fui anch’io il “poeta
assassinato”: là nel noccioleto
raso, dove fa grotta, da un falò;
in quella tana un tondo di zecchino
accendeva il tuo viso, poi calava
lento per la sua via fino a toccare
un nimbo, ove stemprarsi; ed io ansioso
invocavo la fine su quel fondo
segno della tua vita aperta, amara,
atrocemente fragile e pur forte.
Sei tu che brilli al buio? Entro quel solco
pulsante, in una pista arroventata,
àlacre sulla traccia del tuo lieve
zampetto di predace (un’orma quasi
invisibile, a stella) io, straniero,
ancora piombo; e a volo alzata un’anitra
nera, dal fondolago, fino al nuovo
incendio mi fa strada, per bruciarsi.

EUGENIO MONTALE

View original post

Poesie – Gli alberi di Franz Kafka

Cantiere poesia

Denn wir sind wie Baumstämme im Schnee.

Scheinbar liegen sie glatt auf,

und mit kleinem Anstoß sollte man sie wegschieben können.

Nein, das kann man nicht, denn sie sind fest mit dem Boden verbunden.

Aber sieh, sogar das ist nur scheinbar.

§

Infatti noi siamo come tronchi di alberi nella neve.

In apparenza giacciono raso terra,

e con una piccola spinta si dovrebbe poterli smuovere.

No, non si può, ché sono saldamente legati alla terra.

Ma vedete, anche questa è soltanto apparenza.

FRANZ KAFKA

View original post

Poesie – Sul Monte Mario di Giosuè Carducci

Cantiere poesia

Solenni in vetta a Monte Mario stanno
nel luminoso cheto aere i cipressi,
e scorrer muto per i grigi campi
mirano il Tebro,

mirano al basso nel silenzio Roma
estendersi, e, in atto di pastor gigante
su grande armento vigile, davanti
sorger San Pietro.

Mescete in vetta al luminoso colle,
mescete, amici, il biondo vino, e il sole
vi si rifranga: sorridete, o belle:
diman morremo.

Lalage, intatto a l’odorato bosco
lascia l’alloro che si gloria eterno,
o a te passando per la bruna chioma
splenda minore.

A me tra ’l verso che pensoso vola
venga l’allegra coppa ed il soave
fior de la rosa che fugace il verno
consola e muore.20

Diman morremo, come ier moriro
quelli che amammo: via da le memorie,
via da gli affetti, tenui ombre lievi
dilegueremo.

Morremo; e sempre faticosa intorno
de l’almo sole volgerà la terra,
mille sprizzando ad ogni istante vite

View original post 111 altre parole

Poesie – Sul confine tra sogno e realtà di Aurelio Zucchi

Cantiere poesia

In precario equilibrio da sempre
sul confine tra sogno e realtà,
mi ostino a non staccarmi del tutto
dall’arida terra da coltivare.

Di sicuro è per questa ragione
che vado cercando speranza migliore
quella che qui impossibil si crede
solo perché non ne siamo capaci.

Aurelio Zucchi

View original post

Eventi – Calici di Poesie a Isnello, prende il via il 6 luglio [VIDEO]

Calici_di_poesie_a_Isnello_generalePrenderà il via il 6 luglio prossimo, la prima edizione dell’evento culturale Calici di Poesie a Isnello, con la partecipazione del poeta e scrittore Gino Pantaleone che declamerà le sue poesie alle ore 21.00, in piazza Santa Giovanna d’Arco, accompagnati dalla chitarra di Luca Di Martino e con la possibilità di degustare un buon calice di vino fresco.

L’ideatore e promotore dell’iniziativa è il poeta palermitano Antonino Schiera, che avrà il compito di condurre e moderare tutte le serate.

Un percorso letterario che si svilupperà nei mesi di luglio e agosto e che prevede una serata conclusiva il 23 settembre, con la partecipazione di tutti i poeti coinvolti, del coro Anima Gentis, diretto dal maestro Antonio Sottile e dello scrittore e poeta Biagio Balistreri che ha aperto l’estate culturale di Isnello lo scorso 28 aprile, con la presentazione del suo romanzo epistolare “L’inquilino della casa sul porto” edito da Spazio Cultura.

Gli altri poeti protagonisti delle serate estive a Isnello, con orario di inizio previsto alle ore 21.00 sono: Francesco Ferrante il 13 luglio, con l’accompagnamento del marranzano o scacciapensieri suonato dal piccolo Daniele Ferrante; Nicola Romano il 20 luglio; Francesca Luzzio il 2 agosto, con la partecipazione del gruppo musicale Folk Studio e dei bambini di Isnello; Emanuele Drago il 24 agosto, presso il Centro Sociale del paese; Lavinia Alberti il 31 agosto.

Durante le serate è previsto anche un momento di rievocazione storica attraverso la lettura di testi, che riguarda gli antichi mestieri, le arti e le tradizioni del paese madonita.

L’iniziativa è stata resa possibile grazie al patrocinio del Comune di Isnello, che consapevole delle potenzialità delle bellezze architettoniche, degli angoli suggestivi offerti dal paese, ha fortemente voluto questa manifestazione culturale che sarà itinerante all’interno del territorio comunale. Saranno pertanto affisse nel paese e sui social network, le locandine che indicheranno il luogo preciso dove si svolgerà l’incontro serale con il poeta di turno.

Alla kermesse poetica sono collegate due iniziative. La prima riguarda la possibilità di scattare fotografie da parte di chiunque abbia voglia di partecipare, artisti e poeti compresi, che andranno veicolate attraverso Facebook e Istantgram con l’hashtag #calicidipoesieaisnello.

Colori_che_divengono_traccia_a_IsnelloLa seconda iniziativa invece è rivolta ai bambini di Isnello che avranno la possibilità di partecipare a due eventi poetici per potere disegnare liberamente sui fogli, ciò che la spontanea creatività suggerirà loro. L’iniziativa sarà illustrata ai genitori e ai bambini dall’Assessore alle Attività Sociali e allo Sport Anna Agostara, durante un incontro pubblico al Centro Sociale di Isnello, il 10 luglio alle ore 17.00.

Partner della manifestazione Calici di Poesie a Isnello, sono l’associazione culturale Siciliando di Palermo e Manganello Ceramiche Artistiche di Collesano.

Antonino Schiera

Siciliando (logo)Biblioteca_Comunale_di_Isnello.PNGCalici_di_Poesie_Stanganello.PNG