Recensioni – Raccolta di poesie Meditare e Sentire di Antonino Schiera (Il Convivio Editore), recensione dello scrittore, storico Emanuele Drago

Emanuele Drago

Appare subito evidente nella nuova silloge del poeta Antonino Schiera dal titolo Meditare e Sentire una dicotomia tra due diverse tendenze che caratterizzano il suo modo di poetare. Da un lato una dimensione se così si può dire “descrittiva”, che predilige l’esteriorità e l’osservazione della natura, mentre dall’altro un poetare più propriamente verticale che tende a dar voce al proprio stato d’animo e al proprio vissuto esistenziale. Ora è proprio questa seconda dimensione, che molto spesso viene solo allusa, sfiorata e mai portata alle estreme conseguenze che lascia intravedere nella sua poetica di Schiera un mondo non ancora pienamente espresso ed esplorato. Insomma, il lettore ha la sensazione di trovarsi davanti alla punta dell’iceberg di una interiorità che solo improvvisi guizzi e lampi lirici lasciano intravedere. Dunque, come già detto, da un lato la poesia di Schiera, che non segue una vera e propria metrica ma dei versi liberi che prediligono tuttavia le anafore o ossimorici nonsense, è descrittiva e pone al centro la natura e l’analisi delle cose (il crepuscolo, la risacca del mare, la descrizione del lago e del profumo della zagara) mentre dall’altro si contraddistingue talvolta per l’uso di immagini sovrapposte che solo apparentemente sembrano vivere una vita propria, ma che in realtà trovano la propria ragion d’essere nell’animo e nell’intenzionalità del poeta. Dunque, a mio avviso, non è tanto il meditare che rende interessante l’evoluzione della sua poesia, ma per il sentire che dal meditare si genera. Mi spiego meglio: è come la poesia di Schiera acquisisse potere e forza lirica proprio quando cerca di superare la mera osservazione della natura; insomma, quando trasforma la natura in pretesto, in specchio, in palinsesto della propria anima; o ancora meglio, quel palcoscenico che egli finisce per piegare e curvare a quelle che sono le intime esigenze della propria interiorità. Ed è qui, a mio avviso, che la poetica di Schiera cerca di andare oltre, rifuggendo dal rischio sempiterno della banalità descrittiva. Si tratta di movimento verticale, o fintamente orizzontale (come accade ad esempio nella lirica Pale di fico d’India) nel quale quell’interiorità molto spesso sottaciuta riesce a manifestarsi in una plastica immagine della natura. Allora, più che nelle riflessioni moralistiche o moraleggianti la poesia di Schiera svela il suo carattere nascosto allorquando cerca di “scorticare” un angolo della propria interiorità, sebbene ancora con quell’eccessivo contegno di una sofferenza sottaciuta, o nascosta spesso in una soggettività impersonale (Il buio). In tal senso interessanti sono alcune espressioni che rivelano questa sofferenza sottaciuta e solo lambita (“intanto il vento insidia il mio tepore già dispersoVolto di donna; “Meglio che sparisca nelle nebbie della desolazioneDesolazione; “una giovinezza evaporata nei primordi/salgo sull’altare di un monastero nefastoVista sul mare; “pensoso trasudo poesieVestigia; o in quel mirabile inizio di In Riva al Lagonuvola mi sento o forse ancora nuvola sono, inseguo una nuova alba, un nuovo tramonto e poi un’alba ancora pallida e un tramonto rosso”; “inebriato dall’ebbrezza dei fumi del vino redento dai peccati / dono a te mio simile umanoide quanto ho da regalare perché totalmente mioIdentità). Ed è in queste espressioni, in queste impennate, in questa inaspettata verticalità terminologica che il poeta a mio avviso lascia intravedere ciò che potrebbe ricavare dal pozzo della propria angoscia. Perché è quando cerca di “complicarsi” in questa disperata lotta con la propria parte più intima che la poesia di Schiera rivela una espressività terminologica che appare potenzialmente ancora fruttuosa.

Emanuele Drago

Protagonisti – Buon Anno 2019 e grazie a tutti gli artisti presenti nel mio blog [VIDEO]

Buon Anno 2019

 

 

Una tantum
Mensile
Annuale

Fai una donazione una tantum

Fai una donazione mensilmente

Fai una donazione annualmente

Scegli un importo

€5,00
€15,00
€100,00
€5,00
€15,00
€100,00
€5,00
€15,00
€100,00

O inserisci un importo personalizzato


Apprezziamo il tuo contributo.

Apprezziamo il tuo contributo.

Apprezziamo il tuo contributo.

Fai una donazioneDona mensilmenteDona annualmente

Eventi – Calici di Poesie a Isnello: reading finale con i poeti Biagio Balistreri, Francesco Ferrante, Francesca Luzzio, Emanuele Drago e Lavinia Alberti

Si svolgerà domenica 23 settembre, alle ore 17, presso la Chiesa SS Annunziata, il pomeriggio finale della I° manifestazione poetica Calici di Poesie a Isnello, con la partecipazione dei poeti che si sono susseguiti nelle serate estive nel suggestivo borgo madonita.

Il_maestro_Antonio_Sottile
Il Maestro Antonio Sottile

Protagoniste saranno ancora una volta le poesie interpretate dagli autori all’interno del programma, che prevede la partecipazione del coro Anima Gentis diretto dal Maestro Antonio Sottile accompagnato dal pianista Antonino Fiorino e dalla soprano Gloria Grisanti. Prevista anche la mostra dei disegni dei bambini di Isnello che hanno impreziosito una delle serate poetiche con le loro libere interpretazioni colorate.

L’ideatore della manifestazione patrocinata dal Comune, il poeta palermitano Antonino Schiera, leggerà il suo monologo per Isnello a completamento del pomeriggio poetico.

Partner della manifestazione sono la Biblioteca di Isnello, il gruppo Siciliando e Manganello Arte Ceramiche di Collesano.

Ingresso libero

Francesco_Anello_Biagio_Balistreri_Premio_Arenella-e1486977458785
Al centro il poeta Biagio Balistreri

Francesco_Ferrante_poeta_e_scrittore
Il poeta Francesco Ferrante

Francesca_Luzzio_poetessa
La poetessa Francesca Luzzio

Emanuele_Drago_Scrittore
Il poeta Emanuele Drago

Lavinia_Alberti
La poetessa Lavinia Alberti

Eventi – Lo scrittore palermitano Emanuele Drago è il protagonista della quinta serata di #calicidipoesieaisnello.

Emanuele_Drago
Emanuele Drago

Venerdì 24 agosto giungerà alla sua quinta serata il percorso culturale #calicidipoesieaisnello con la partecipazione dello scrittore, poeta e storico palermitano Emanuele Drago. L’appuntamento per gli appassionati di poesia, è fissato alle ore 21.30 presso l’Auditorium del  Centro Sociale a Isnello.

Anche in questa occasione protagonista assoluta della serata sarà la poesia, impreziosita dalla lettura di brani storici, che si rifanno alle antiche tradizioni di Isnello.

A moderare l’incontro sarà, come sempre, il poeta e scrittore palermitano Antonino Schiera, ideatore dell’evento estivo, che ricordiamo è patrocinato dal Comune di Isnello e dalla Biblioteca Comunale di Isnello.

Ricordiamo che media partner della manifestazione è il gruppo Siciliando: “questo gruppo nasce per raccontare la Sicilia piena di opere d’arte, di stupendi paesaggi , di un mare limpido, ma anche delle suoi piatti, delle sue ceramiche, delle sue poesie e storie, delle sue canzoni e della sua antica memoria, in una continua ricerca e scoperta del bello che la rappresenta e la fa Terra unica”, si legge all’interno della pagina facebook che conta quasi 60.000 iscritti.

Vincenzo_Perricone_Sicliando
Il fondatore del gruppo Siciliando Vincenzo Perricone

Partner dell’evento poetico Calici poesie a Isnello è anche Manganello Arte Ceramiche Artistiche di Collesano.

Per conoscere l’intero programma che, ricordiamo si sviluppa nei mesi di luglio, agosto e settembre clicca qui.

Ingresso libero

Eventi – Calici di Poesie a Isnello, prende il via il 6 luglio [VIDEO]

Calici_di_poesie_a_Isnello_generalePrenderà il via il 6 luglio prossimo, la prima edizione dell’evento culturale Calici di Poesie a Isnello, con la partecipazione del poeta e scrittore Gino Pantaleone che declamerà le sue poesie alle ore 21.00, in piazza Santa Giovanna d’Arco, accompagnati dalla chitarra di Luca Di Martino e con la possibilità di degustare un buon calice di vino fresco.

L’ideatore e promotore dell’iniziativa è il poeta palermitano Antonino Schiera, che avrà il compito di condurre e moderare tutte le serate.

Un percorso letterario che si svilupperà nei mesi di luglio e agosto e che prevede una serata conclusiva il 23 settembre, con la partecipazione di tutti i poeti coinvolti, del coro Anima Gentis, diretto dal maestro Antonio Sottile e dello scrittore e poeta Biagio Balistreri che ha aperto l’estate culturale di Isnello lo scorso 28 aprile, con la presentazione del suo romanzo epistolare “L’inquilino della casa sul porto” edito da Spazio Cultura.

Gli altri poeti protagonisti delle serate estive a Isnello, con orario di inizio previsto alle ore 21.00 sono: Francesco Ferrante il 13 luglio, con l’accompagnamento del marranzano o scacciapensieri suonato dal piccolo Daniele Ferrante; Nicola Romano il 20 luglio; Francesca Luzzio il 2 agosto, con la partecipazione del gruppo musicale Folk Studio e dei bambini di Isnello; Emanuele Drago il 24 agosto, presso il Centro Sociale del paese; Lavinia Alberti il 31 agosto.

Durante le serate è previsto anche un momento di rievocazione storica attraverso la lettura di testi, che riguarda gli antichi mestieri, le arti e le tradizioni del paese madonita.

L’iniziativa è stata resa possibile grazie al patrocinio del Comune di Isnello, che consapevole delle potenzialità delle bellezze architettoniche, degli angoli suggestivi offerti dal paese, ha fortemente voluto questa manifestazione culturale che sarà itinerante all’interno del territorio comunale. Saranno pertanto affisse nel paese e sui social network, le locandine che indicheranno il luogo preciso dove si svolgerà l’incontro serale con il poeta di turno.

Alla kermesse poetica sono collegate due iniziative. La prima riguarda la possibilità di scattare fotografie da parte di chiunque abbia voglia di partecipare, artisti e poeti compresi, che andranno veicolate attraverso Facebook e Istantgram con l’hashtag #calicidipoesieaisnello.

Colori_che_divengono_traccia_a_IsnelloLa seconda iniziativa invece è rivolta ai bambini di Isnello che avranno la possibilità di partecipare a due eventi poetici per potere disegnare liberamente sui fogli, ciò che la spontanea creatività suggerirà loro. L’iniziativa sarà illustrata ai genitori e ai bambini dall’Assessore alle Attività Sociali e allo Sport Anna Agostara, durante un incontro pubblico al Centro Sociale di Isnello, il 10 luglio alle ore 17.00.

Partner della manifestazione Calici di Poesie a Isnello, sono l’associazione culturale Siciliando di Palermo e Manganello Ceramiche Artistiche di Collesano.

Antonino Schiera

Siciliando (logo)Biblioteca_Comunale_di_Isnello.PNGCalici_di_Poesie_Stanganello.PNG