Protagonisti – Francesco Ferrante e le sue poesie che carezzano l’anima della solidarietà e del respiro [VIDEO]

Francesco Ferrante è poeta palermitano che vive a Terrasini ed è il protagonista del mio articolo con domande e risposte nel blog, Riflessioni d’autore, che ho ideato e che gestisco da qualche anno. Buona lettura, ma prima godetevi questo video con la sua poesia in lingua siciliana Li doni cchiù prizziusi.

 

Sei autore di numerose raccolte di poesie. Quando hai cominciato a scrivere e perché?

Francesco Ferrante – Ho cominciato quando avevo 18 anni circa. Era un periodo in cui divoravo libri, soprattutto classici e poesia. Ho cominciato a scrivere perché ritengo che la scrittura è una forma di comunicazione straordinaria capace di toccare l’anima dei lettori. Purtroppo si legge sempre meno e siamo bombardati da milioni di notizie che ci piovono addosso continuamente ma che non creano cultura, anzi generano un overdose di informazioni che stanno forgiando una generazione di automi, formata anche da gente non più giovanissima, sempre più protesa verso l’uniformità di pensiero.

Che differenza c’è tra il Francesco Ferrante che muoveva i primi passi nel mondo della poesia e l’attuale Francesco Ferrante?

Francesco Ferrante – Quando ho cominciato a scrivere ero sicuramente più spontaneo e impulsivo, seguivo solo il mio istinto e talvolta non mi concentravo molto sulla forma. Inoltre scrivevo principalmente in italiano. Poi con l’esperienza e il continuo confronto con altri modi di poetare penso di essere maturato e migliorato; poi ho riscoperto il siciliano che mi ha dato la possibilità di esprimere al meglio i miei sentimenti.

Leggendo le tue poesie si evince che hai una particolare sensibilità per i temi del sociale e per la difesa dei più deboli nella società attuale. Basta ricordare che fai parte di associazioni di volontariato e hai maturato un’esperienza in un campo di lavoro in Tanzania.

Francesco Ferrante – È vero, la mia educazione, nonché la mia formazione culturale e religiosa, mi hanno indirizzato verso una concezione della vita rivolta verso gli ultimi. Ho fatto volontariato a Palermo, città dove sono nato e cresciuto, presso un’associazione operante nel mio quartiere, e ho frequentato anche il Centro di Santa Chiara nel cuore del centro storico. Poi nel 2002 ho realizzato quello che era uno dei miei obiettivi, ovvero quello di andare in missione in Africa. E’ stata un’esperienza che, come intuibile, mi ha arricchito tantissimo. Certo bisogna andarci già con un bagaglio di esperienze di vita particolari e soprattutto senza alcun preconcetto, perché se no, si rischia di avere una visione distorta di quella realtà. Vorrei però sottolineare che non mi sento né un missionario né una persona speciale, semplicemente ho cercato di rendere indietro un po’ dei doni che la vita mi aveva elargito. Purtroppo molti non capiscono e non apprezzano quanto hanno, vivono nell’opulenza ma sono sempre insoddisfatti.

Nell’estate del 2018 sei stato uno dei principali protagonisti della manifestazione culturale Calici di Poesie a Isnello. Sei entrato nel cuore degli abitanti della cittadina madonita, grazie alle tue poesie accompagnate da tuo figlio e dal suono del marranzano.  Racconta quell’esperienza ai lettori del blog.

Calici di Poesie a Isnello
Francesco Ferrante a Calici di Poesie a Isnello

Francesco Ferrante – Calici di poesia è stata una piacevolissima sorpresa. Avevo partecipato a tantissimi recital di poesia, ma quella serata mi è rimasta nel cuore. Non ero mai stato a Isnello ed è stata una bella scoperta. Il paese è delizioso e conserva degli scorci incantevoli. Sono rimasto affascinato anche dalla cordialità e dall’ospitalità della gente, era come se mi conoscessero da una vita e per me è stato come se si trattasse di vecchi amici. Quella sera, in quell’angolo ameno di Isnello, è stato un vero piacere recitare i miei versi accompagnato dal suono del marranzano di mio figlio Daniele, che aveva appena 10 anni. Beh, anche il presentatore, che faceva le veci del padrone di casa, è riuscito a mettermi a mio agio ed è riuscito a tirar fuori tutto il meglio di me. Si è creata una complicità quasi magica con gli spettatori, che ha reso quei momenti memorabili. E’ un’esperienza che ripeterei volentieri.

In tempi di coronavirus come si colloca la poesia e cosa può dare alla nostra società per aiutarla a superare questo momento difficile?

Francesco Ferrante – In questo momento particolare in cui siamo stati costretti a fermarci, ad interrompere la nostra routine, la nostra continua, stressante e folle corsa quotidiana, la poesia potrebbe dettare i tempi dell’anima per riscoprire un modo di pensare un po’ più spirituale e meno materiale.

I poeti in genere sono molto fantasiosi e riescono a coprire con la mente spazi temporali diversi ed immaginare il futuro. Tu come ti vedi nei prossimi dieci anni e quali sono i progetti che intendi realizzare?

Francesco Ferrante – Tra dieci anni mi vedo un po’ più saggio, almeno lo spero! Non faccio mai progetti a lungo termine, di certo continuerò a scrivere per dare il mio piccolissimo contributo alla poesia e alla cultura. Lo so, non è molto, ma il mare è fatto di tante piccole gocce.

 

 

 

Protagonisti – Buon Anno 2019 e grazie a tutti gli artisti presenti nel mio blog [VIDEO]

Buon Anno 2019

 

 

Eventi – Calici di Poesie a Isnello: reading finale con i poeti Biagio Balistreri, Francesco Ferrante, Francesca Luzzio, Emanuele Drago e Lavinia Alberti

Si svolgerà domenica 23 settembre, alle ore 17, presso la Chiesa SS Annunziata, il pomeriggio finale della I° manifestazione poetica Calici di Poesie a Isnello, con la partecipazione dei poeti che si sono susseguiti nelle serate estive nel suggestivo borgo madonita.

Il_maestro_Antonio_Sottile
Il Maestro Antonio Sottile

Protagoniste saranno ancora una volta le poesie interpretate dagli autori all’interno del programma, che prevede la partecipazione del coro Anima Gentis diretto dal Maestro Antonio Sottile accompagnato dal pianista Antonino Fiorino e dalla soprano Gloria Grisanti. Prevista anche la mostra dei disegni dei bambini di Isnello che hanno impreziosito una delle serate poetiche con le loro libere interpretazioni colorate.

L’ideatore della manifestazione patrocinata dal Comune, il poeta palermitano Antonino Schiera, leggerà il suo monologo per Isnello a completamento del pomeriggio poetico.

Partner della manifestazione sono la Biblioteca di Isnello, il gruppo Siciliando e Manganello Arte Ceramiche di Collesano.

Ingresso libero

Francesco_Anello_Biagio_Balistreri_Premio_Arenella-e1486977458785
Al centro il poeta Biagio Balistreri
Francesco_Ferrante_poeta_e_scrittore
Il poeta Francesco Ferrante
Francesca_Luzzio_poetessa
La poetessa Francesca Luzzio
Emanuele_Drago_Scrittore
Il poeta Emanuele Drago
Lavinia_Alberti
La poetessa Lavinia Alberti

Eventi – Il poeta e scrittore palermitano Francesco Ferrante è il protagonista della seconda serata di #calicidipoesieaisnello.

Calici_di_poesie_a_Isnello_Francesco_FerranteVenerdì 13 luglio giungerà alla sua seconda serata il percorso culturale #calicidipoesieaisnello con la partecipazione del poeta e scrittore palermitano Francesco Ferrante. L’appuntamento per tutti è fissato alle ore 21.30 a piazza S. Giovanna d’Arco a Isnello.

Anche in questa occasione protagonista assoluta della serata sarà la poesia, impreziosita dal suono del marranzano e dalla lettura di brani storici, che si rifanno alle antiche tradizioni di Isnello. A moderare l’incontro sarà ancora una volta il poeta e scrittore palermitano Antonino Schiera, ideatore dell’evento estivo, che ricordiamo è patrocinato dal Comune di Isnello.

Francesco_Ferrante_poeta_e_scrittore
Francesco Ferrante

Il pubblico presente avrà la possibilità di accompagnare la serata con un buon calice di vino fresco. I media partner di #calicidipoesieaisnello sono il gruppo culturale e turistico Siciliando di Palermo e Manganello Ceramiche Artistiche di Collesano. Al bar di Isnello Pink Panther, conosciuto per le sue specialità, è affidato il compito di curare la degustazione dei vini.

Per conoscere l’intero programma che, ricordiamo si sviluppa nei mesi di luglio, agosto e settembre clicca qui.

Ingresso libero

Eventi – Calici di Poesie a Isnello, prende il via il 6 luglio [VIDEO]

Calici_di_poesie_a_Isnello_generalePrenderà il via il 6 luglio prossimo, la prima edizione dell’evento culturale Calici di Poesie a Isnello, con la partecipazione del poeta e scrittore Gino Pantaleone che declamerà le sue poesie alle ore 21.00, in piazza Santa Giovanna d’Arco, accompagnati dalla chitarra di Luca Di Martino e con la possibilità di degustare un buon calice di vino fresco.

L’ideatore e promotore dell’iniziativa è il poeta palermitano Antonino Schiera, che avrà il compito di condurre e moderare tutte le serate.

Un percorso letterario che si svilupperà nei mesi di luglio e agosto e che prevede una serata conclusiva il 23 settembre, con la partecipazione di tutti i poeti coinvolti, del coro Anima Gentis, diretto dal maestro Antonio Sottile e dello scrittore e poeta Biagio Balistreri che ha aperto l’estate culturale di Isnello lo scorso 28 aprile, con la presentazione del suo romanzo epistolare “L’inquilino della casa sul porto” edito da Spazio Cultura.

Gli altri poeti protagonisti delle serate estive a Isnello, con orario di inizio previsto alle ore 21.00 sono: Francesco Ferrante il 13 luglio, con l’accompagnamento del marranzano o scacciapensieri suonato dal piccolo Daniele Ferrante; Nicola Romano il 20 luglio; Francesca Luzzio il 2 agosto, con la partecipazione del gruppo musicale Folk Studio e dei bambini di Isnello; Emanuele Drago il 24 agosto, presso il Centro Sociale del paese; Lavinia Alberti il 31 agosto.

Durante le serate è previsto anche un momento di rievocazione storica attraverso la lettura di testi, che riguarda gli antichi mestieri, le arti e le tradizioni del paese madonita.

L’iniziativa è stata resa possibile grazie al patrocinio del Comune di Isnello, che consapevole delle potenzialità delle bellezze architettoniche, degli angoli suggestivi offerti dal paese, ha fortemente voluto questa manifestazione culturale che sarà itinerante all’interno del territorio comunale. Saranno pertanto affisse nel paese e sui social network, le locandine che indicheranno il luogo preciso dove si svolgerà l’incontro serale con il poeta di turno.

Alla kermesse poetica sono collegate due iniziative. La prima riguarda la possibilità di scattare fotografie da parte di chiunque abbia voglia di partecipare, artisti e poeti compresi, che andranno veicolate attraverso Facebook e Istantgram con l’hashtag #calicidipoesieaisnello.

Colori_che_divengono_traccia_a_IsnelloLa seconda iniziativa invece è rivolta ai bambini di Isnello che avranno la possibilità di partecipare a due eventi poetici per potere disegnare liberamente sui fogli, ciò che la spontanea creatività suggerirà loro. L’iniziativa sarà illustrata ai genitori e ai bambini dall’Assessore alle Attività Sociali e allo Sport Anna Agostara, durante un incontro pubblico al Centro Sociale di Isnello, il 10 luglio alle ore 17.00.

Partner della manifestazione Calici di Poesie a Isnello, sono l’associazione culturale Siciliando di Palermo e Manganello Ceramiche Artistiche di Collesano.

Antonino Schiera

Siciliando (logo)Biblioteca_Comunale_di_Isnello.PNGCalici_di_Poesie_Stanganello.PNG